Dieta estiva per dimagrire

C'è una buona notizia: in estate è più facile dimagrire. Il fabbisogno energetico diminuisce perché occorrono meno calorie, dal momento che non è più necessaria molta energia per riscaldare il corpo. 

 

Di conseguenza l'appetito cala, anche per il caldo, che stimola la traspirazione aumentando soprattutto il senso della sete.

 

 

È il momento quindi di assecondare le nuove esigenze dell'organismo: con una dieta estiva, meno calorie, più liquidi e gli alimenti giusti per favorire il metabolismo e ritrovare la linea.

Il metabolismo è l'insieme delle reazioni che avvengono all'interno del corpo. Il loro compito è attaccare i cibi introdotti con l'alimentazione e di "demolirli", riducendoli in sostanze sempre più semplici, in modo che possano essere utilizzati all'interno delle cellule che ne ricavano l'energia necessaria per vivere e per svolgere tutte le funzioni vitali.

 

Dieta estiva per dimagrire menu completo
Dieta estiva

 

Il processo metabolico è influenzato dall'attività fisica (più se ne fa più il metabolismo è attivo), dalla quantità di tessuto muscolare e da un'alimentazione corretta e regolare.

 

Il metabolismo non funziona sempre in modo costante: è più attivo nelle stagioni calde (primavera ed estate) e rallenta in quelle fredde (autunno e inverno).

 

Questo dipende anche dalla quantità di luce solare che il corpo riceve: quando è scarsa, in circolo aumenta il livello di un ormone, la melatonina, che ha anche l'effetto di deprimere il metabolismo. Ecco perché durante l'inverno si tende a ingrassare di più.

 

Con la bella stagione, le giornate si allungano e si sta di più all'aperto, la melatonina in circolo diminuisce e, di conseguenza, il metabolismo si riattiva, favorendo il dimagrimento in modo naturale.

 

Seguire una dieta corretta aiuta a buttare giù i chili accumulati e a stimolare il metabolismo che già naturalmente riprende a funzionare.

 

Questo è momento di seguire una dieta varia, non eccessivamente restrittiva, che aiuti a perdere peso piuttosto rapidamente: due chili nelle prime due settimane.

 

Seguendola per un mese si può arrivare a perdere anche tre quattro chili; aumentando poi leggermente l'apporto calorico quotidiano (come si spiega più avanti nel "mantenimento") la si può adottare come regime per tutto il periodo estivo, perché è completa ed equilibrata.

 

L'apporto calorico quotidiano è di circa 1.400 calorie, quantità giusta per favorire il dimagrimento in modo naturale senza eccessive restrizioni.

 

Lo schema prevede sei pasti durante la giornata: per restare attivo, il metabolismo ha bisogno di essere tenuto in esercizio con un ritmo regolare. È quindi opportuno consumare cinque pasti (anche se l'ideale è 6) durante la giornata.

 

Le regole della dieta estiva.

 

A COLAZIONE VIA LIBERA Al CARBOIDRATI.

 

Per stimolare il metabolismo è essenziale consumare la prima colazione. Al mattino, infatti, il nostro corpo funziona a pieno ritmo perché deve mettere in moto tutti i suoi meccanismi.

 

Ha quindi bisogno di una carica energetica maggiore rispetto al resto della giornata. I carboidrati sono i nutrienti ideali, perché riescono a essere semplificati in fretta e rilasciano energia per il corpo e per la mente.

 

Inoltre, aumentano la produzione di serotonina, un ormone che stabilizza l'umore e contrasta l'azione della melatonina, dando una sferzata al metabolismo.

 

Infine, assicurano un rifornimento energetico ottimale, quindi migliorano il rendimento sportivo e mentale.

 

Al mattino è concessa una piccola dose di zuccheri semplici (marmellata, miele, cioccolato), ma per il resto vanno privilegiati, in dosi contenute, i carboidrati complessi, preferibilmente integrali, come cereali o fette biscottate, biscotti secchi, pane.

 

A PRANZO E CENA SI ALLE PROTEINE.

 

Un buon tessuto muscolare assicura un metabolismo ben attivo, perché i muscoli sono coinvolti nell'attività metabolica: chi ha una massa muscolare ben sviluppata brucia le calorie e i grassi più facilmente di chi non può contare su un buon tono muscolare.

 

Gli alimenti che contribuiscono al tono muscolare sono le proteine. Queste si trovano soprattutto nelle carni bianche e rosse, nel pesce, nelle uova e nei latticini.

 

Buone fonti proteiche sono anche gli alimenti di origine vegetale, come i legumi di tutti i tipi, i cereali integrali, la soia e il tofu.

 

È quindi opportuno inserire ogni giorno le proteine nell'alimentazione. Un piatto di alto valore proteico prevede la combinazione dei legumi con i cereali.

 

I salumi grassi, la selvaggina, i formaggi salati andrebbero invece ridotti il più possibile o addirittura eliminati.

 

Infatti contengono proteine, ma anche sale e grassi. Questi nutrienti appesantiscono il processo digestivo e rallentano, in parte, il metabolismo intasando l'organismo di sale e tossine non adatti alla dieta estiva.

 

FRUTTA E VERDURA TUTTO IL GIORNO.

 

Per perdere peso e sentirsi sazi, ottimizzando le reazioni metaboliche, è importante non farsi mancare frutta e verdura fresche, soprattutto le varianti più ricche di potassio come finocchi, spinaci, pomodori, lattuga, sedano, banane, ananas, papaia, kiwi gialli e verdi, agrumi di tutti i tipi.

 

Il potassio è un sale che svolge una efficace azione diuretica favorisce cioè l'eliminazione dei liquidi in eccesso attraverso l'urina.

 

In questo modo il fisico appare più snello perché riduce l'acqua in eccesso, che favorisce la formazione della cellulite.

 

Attraverso il drenaggio dei liquidi, inoltre, si portano via anche i prodotti di scarto del metabolismo, quindi tutti gli organi "più puliti" e meno carichi di scorie, lavorano al meglio.

 

Frutta e verdura hanno anche il pregio di costituire uno spezza-fame gradevole con un basso apporto calorico.

Dieta per dimagrire d'estate da 1.400 calorie.

Il menu di ogni giorno va organizzato in modo tale da essere costituito da tre pasti principali (colazione, pranzo e cena) più tre spuntini (a metà mattina, nel primo pomeriggio e nel tarde pomeriggio).

 

L'assunzione frequente di moderate quantità di cibo stimola il metabolismo. Inoltre, gli spuntini non fanno arrivare troppe affamati al pasto principale.

 

La colazione andrebbe consumata abbastanza presto, comunque non oltre le 7.30 del mattino, quando il metabolismo è molto attivo.

 

Anche il pranzo dovrebbe avvenire attorno alle 12.30 e la cena non andrebbe consumata dopo le 19.30. A quest'ora il metabolismo tende nuovamente a calare e l'organismo brucia meno.

 

I dolci andrebbero mangiati a colazione, quando è permesso anche un po' di cioccolato che l'organismo riesce a bruciare.

 

A colazione è inoltre permesso un cucchiaino da caffè di zucchero nella bevanda. Lo zucchero andrebbe eliminato negli altri momenti della giornata.

 

Le verdure andrebbero consumate a crudo, per mantenere tutto il patrimonio di potassio e di vitamine.

 

Come condimenti sono concessi due cucchiai da minestra al giorno di olio extravergine di oliva. Se si usano uno o più cucchiai di olio per cucinare, vanno sottratti dalla quantità permessa ogni giorno.

 

È importante bere almeno due litri di acqua naturale non troppo fredda al giorno, soprattutto a digiuno, per favorire la diuresi e depurare l'organismo.

 

Dieta estiva: menù settimanale.

 

Lunedì

 

  • Colazione: una tazza di latte parzialmente scremato, 3 fette biscottate integrali con un velo di marmellata.
  • Spuntino delle 10: un cioccolatino fondente.
  • Pranzo: una porzione di carpaccio di manzo con rucola, pepe e champignon crudi, lattuga in insalata insaporita con ravanelli, mezzo panino integrale.
  • Spuntino delle 15: una mela.
  • Spuntino delle 17: 2 scaglie di parmigiano.
  • Cena: una porzione di pasta e fagioli tiepida, finocchi crudi grattugiati, una spremuta di pompelmo rosa.

Martedì

 

  • Colazione: una tazza di caffè d'orzo, uno yogurt al naturale con un cucchiaino di miele, 2 biscotti secchi integrali.
  • Spuntino delle 10: una barretta di muesli con uvetta.
  • Pranzo: 180 g di salmone al forno, patate lesse fredde con prezzemolo e limone, 2 prugne gialle.
  • Spuntino delle 15: una macedonia di frutti di bosco.
  • Spuntino delle 17: un bicchiere di succo di pomodoro con peperoncino.
  • Cena: una porzione di risotto gamberi e zafferano, pinzimonio di verdure miste

Mercoledì

 

  • Colazione: uno yogurt alla frutta, 2 cucchiai di cereali integrali.
  • Spuntino delle 10: un bicchiere di latte scremato.
  • Pranzo: insalata di pollo (150 g di petto di pollo lessato, 30 g di dadini di mozzarella, carote e sedano crudi a pezzetti, pomodorini ciliegia a volontà, un cucchiaino di senape), mezzo panino integrale.
  • Spuntino delle 15: un succo di albicocca senza zucchero.
  • Spuntino delle 17: 2 crackers integrali.
  • Cena: una porzione di tagliolini con ragù di pesce, zucchine e melanzane alla griglia

Giovedì

 

  • Colazione: una tazza di latte parzialmente scremato con un pugnetto di fiocchi di cereali, una fetta di melone.
  • Spuntino delle 10: macedonia di kiwi gialli e verdi.
  • Pranzo: 150 g di carne di vitello ai ferri con alloro e aceto balsamico, spinaci al vapore conditi con succo di limone, mezzo panino integrale
  • Spuntino delle 15: uno yogurt alla frutta.
  • Spuntino delle 17: un bicchiere di succo di ananas senza zucchero aggiunto.
  • Cena: una porzione di crema di legumi e funghi con crostini di pane, 3 fette di prosciutto crudo magro, una spremuta di arance rosse.

Venerdì

 

  • Colazione: una tazza di caffè d'orzo, uno yogurt alla frutta, una piccola bricche vuota.
  • Spuntino delle 10: macedonia di mela e papaia.
  • Pranzo: una sogliola ai ferri, purè di patate, 2 grissini integrali.
  • Spuntino delle 15: una piccola banana.
  • Spuntino delle 17: un caffè decaffeinato.
  • Cena: una porzione di minestrone di verdure miste (senza patate e fagioli) con 40 g di riso integrale, un uovo a la coque.

Sabato

 

  • Colazione: un cappuccino, 2 fette biscottate integrali.
  • Spuntino delle 10: un succo di frutti tropicali.
  • Pranzo: una porzione di spezzatino di petto di tacchino con piselli, pomodori in insalata con origano, 2 nespole.
  • Spuntino delle 15: una tisana ai frutti di bosco.
  • Spuntino delle 17: una coppetta di carote e finocchi crudi a pezzetti.
  • Cena: spaghetti integrali conditi con aglio e bottarga, peperoni alla griglia con basilico e aceto di mele.

Domenica

 

  • Colazione: una tazza di té verde, uno yogurt magro, un plumcake.
  • Spuntino delle 10: una macedonia di fragole, ciliegie e melone.
  • Pranzo: un hamburger di vitello ai ferri, asparagi al vapore, 2 fette di ananas fresco Spuntino delle 15: una tazza di caffè d'orzo.
  • Spuntino delle 17: due grissini integrali.
  • Cena: due spiedini di pomodorini e mozzarella (80 g), indivia e radicchio in insalata, mezzo panino integrale, un kiwi.

Dieta estiva: il mantenimento.

La dieta estiva suggerita può essere seguita anche per più di un mese, per stabilizzare i risultati ottenuti ed eventualmente perdere ancora un chilo di troppo.

 

Aumentando leggermente le porzioni, può anche essere adottata come regime alimentare continuativo, dal momento che ha il merito di essere pratica e facile da seguire.

 

Ha inoltre il grande vantaggio di insegnare le buone abitudini che non dovrebbero mai essere perdute e che spesso, da sole, aiutano a combattere la tendenza ad accumulare i chili di troppo e tengono il metabolismo sempre vivace e funzionante.

 

È buona regola, anche se non si è a dieta, partire sempre con una colazione leggera ma nutriente, a base di prodotti da forno.

 

I carboidrati regalano la dose di energia necessaria alle attività quotidiane, mettono in moto il metabolismo dopo il riposo notturno e gratificano il palato, mettendo di buon umore.

 

Va anche mantenuta l'abitudine agli spuntini (uno a metà mattina e uno o due nel pomeriggio), possibilmente a base di yogurt, frutta, spremute fresche.

 

È meglio evitare stuzzichini salati o alcolici: stimolano un falso appetito e inducono quindi a mangiare di più. I pasti più abbondanti devono essere la colazione e il pranzo.

 

La cena deve essere più leggera perché nelle ore serali il metabolismo cala. Saltare il pasto per rifarsi a cena è quindi il sistema migliore per ingrassare.

 

La dieta estiva proposta in questa pagina apporta circa 1.400 calorie al giorno e permette di perdere fino a 4 chili in un mese.

 

Si tratta infatti di un regime ipocalorico, che stimola il metabolismo e al tempo stesso favorisce l'eliminazione degli accumuli di adipe.

loading...