Metodi per disintossicarsi

20 metodi detox per ritrovare la propria forma fisica dopo gli eccessi dell'ultimo mese. Per smaltire qualche chilo di troppo accumulato durante le feste non è necessario fare drastiche diete, basta portare in tavola cibi più sani e introdurre qualche buona abitudine: dall'uso delle spezie a quello dei frullati. Ecco una lista di consigli da cui attingere (in base ai propri gusti).

Gennaio: mese ufficiale delle “remise en forme”. Perché il tuo corpo ha bisogno di depurarsi e di “resettarsi” dopo le golose (e più che lecite!) scorribande gastronomiche delle feste di fine anno, che molto probabilmente hanno lasciato il segno con gonfiori e qualche chilo di troppo.

Metodi per disintossicarsi
Metodi per disintossicarsi

La colpa non è solo dell'eccesso di calorie e delle relative tossine prodotte in gran quantità (radicali liberi compresi) che aumentano l'infiammazione e rallentano il metabolismo.

 

Il consumo eccessivo di zucchero e sale ci fa trattenere acqua nei tessuti.

 

Per riconquistare una silhouette più asciutta, nell'ambito di una dieta complessivamente varia e sana, puoi adottare semplici strategie alimentari detossinanti, drenanti e che accelerano il metabolismo.

 

Ecco i consigli in tema.

detox: 20 metodi per purificarsi.

_________

1.Aggiungi un cucchiaio di legumi ad ogni pasto.

Così abbassi l'indice glicemico dell'intero pranzo o cena a parità della quantità di carboidrati assunti nel pasto stesso. Il vantaggio? Dai al tuo organismo più tempo per utilizzare l'energia, evitando che si depositi come grasso corporeo.

 

2.Usa il peperoncino o la curcuma per insaporire le carni, verdure cotte o cereali integrali e legumi.

Oltre ad essere ottimi sostituti del sale, queste spezie stimolano il metabolismo dei grassi inducendo il corpo a metterne di più in circolo per essere utilizzati e mai più riaccumulati. Il peperoncino, poi, soprattutto se è fresco è un'ottima fonte di vitamina C e di altri potenti antiossidanti che contrastano l'invecchiamento, mentre secondo recenti studi la curcuma ha, tra le tante virtù, un'azione protettiva sul fegato.

 

3.Prova il wasabi o il rafano.

Sia il wasabi, il piccantissimo ravanello giapponese, “star” del sushi e di altri piatti orientali, sia il nostro (e analogo) rafano sono ricchi di vitamina C, potente antiossidante dalle proprietà detox e di stimolo del collagene (così anche la pelle ringrazia). Contengono pure isotiocianato, una sostanza dal forte potere antiossidante e antinfiammatorio (ricorda che l'infiammazione aumenta anche per il carico di tossine e di sostanze di scarto del metabolismo).

 

4.Inserisci nel menù almeno due porzioni settimanali di broccoletti, cavolfiori o cavoli.

Oltre ad essere una miniera di vitamine e minerali come calcio, ferro, fosforo potassio e di vitamine A, B1, B2, C e K, sono ricchi di fitonutrienti e flavonoidi, dall'azione protettiva su diversi organi (seno incluso) e di sulforafani, che aiutano la pelle a proteggersi dal freddo. Inserisci nella “rosa” di crucifere ance il Kale o cavolo riccio, diventato famoso tra le star salutiste (Gwyneth Paltrow, Heidi Klum e Jennifer Aniston tra le tante) per l'abbondanza, in particolare, di vitamine A, C, K e B6, che contribuiscono alla normale coagulazione del sangue e a ridurre la stanchezza.

 

5.Rivaluta la cipolla (ottimo anticellulite).

Le cipolle non solo potenziano il sistema immunitario, aiutando a prevenire i malanni da raffreddamento, ma sono fondamentali nella lotta contro i chili di troppo grazie all'alto contenuto di fitoestrogeni, che stimolano la diuseri e l'eliminazione dei liquidi in eccesso dai tessuti (concausa della cellulite). Aiutano, inoltre, a mantenere costanti i livelli di zucchero del sangue.

6.Metti nella lista della spesa la barbabietola rossa.

Negli ultimi tempi questo vegetale è stato assunto dell'olimpio dei superfood, non solo perché è una miniera di potassio, drenante, ma anche di fibra utile per la funzionalità intestinale (con relativo effetto depurativo su tutto l'organismo). Studi recenti, come quello della Wake Forest Univerity, nel North Carolina, pubblicato su Journal of Gerontology, hanno dimostrato che riduce la pressione arteriosa, migliora le prestazioni atletiche e potenzia la memoria.

 

7.Inizia il pasto con un'insalata.

Consumare l'insalata ogni giorno, preferibilmente come inizio di un pasto, ha un doppio vantaggio: il primo è l'abbondante apporto di fibre, che aiutano a regolarizzare il transito intestinale, mantenendo il ventre piatto; il secondo è l'aumento del senso di sazietà, che ti aiuterà a non abbondare con altre tipologie di alimenti, soprattutto pane, pasta e dolci.

 

8.Sostieni l'attività del fegato.

È l'organo detox per eccellenza. Preferisci i vegetali ricchi di glutatione, come carote, i pomodori, gli asparagi, il crescione e gli spinaci crudi. Il glutatione, infatti, è tra i principali antiossidanti segreti del fegato stesso per “autoproteggersi” dai danni dei radicali liberi e di altre sostanze nocive.

 

9.Aggiungi avocado e semi non tostati (zucca, lino, sesamo) alle tue insalate.

Sono una buona fonte, oltre che di glutatione, di proteine vegetali, di carboidrati e di acidi essenziali, inclusi gli Omega 3, vitali anche per il sistema nervoso e il cervello. Inoltre, sono un tesoro di vitamina E, antiage, che aiuta a mantenere la pelle morbidissima e capelli brillanti. Non mangiarti, naturalmente, un avocado intero al giorno o semi in grandi quantità: anche se hanno proprietà benefiche sono pur sempre alimenti a elevati tenore calorico.

 

10.Pit-stop con lo zenzero.

Un ottimo spuntino è lo zenzero candito, perché l'abbinamento dolce-piccante e i potenti antiossidanti e antinfiammatori di questa spezia, come i gingeroli, sedano l'appetito, ottimizzano l'utilizzo dello zucchero da parte delle cellule muscolari e contrastano l'eventuale senso di nausea e spossatezza mattutino. L'alternativa light: una calda tisana preparata con la radice fresca (lascia in infusione la radice, sbucciata e lavata, in acqua calda per 15 minuti).

 

11.Usa il sedano come spezzafame.

È un alimento a “calorie negative”. Vale a dire: le calorie che l'organismo impiega per digerirlo sono maggiori di quelle che vengono introdotte mangiandolo. Di più: gli steli sono un'ottima fonte di potassio, fosforo, magnesio, calcio, vitamine C,E,K e alcune vitamine del gruppo B, mentre le foglie racchiudono grandi quantità di vitamina A (non eliminarle, dunque, ma gustati pure loro!). Contiene poi luteolina, un antiossidante protettivo per il cervello.

 

12.Varia la frutta.

Ma attenta alle associazioni. La frutta è alcalinizzante e ricca d'acqua e, dunque, ha un alto potere drenante e detossinante. Come la verdura, andrebbe consumata nei vari colori, per assicurare un apporto vario di antiossidanti, come minerali, vitamine e phytochemicals (le molecole che danno colore e che hanno proprietà importantissime per il nostro organismo). Ma, oltre a controllare la quantità (visto l'alto contenuto di zuccheri), tieni sempre d'occhio le combinazioni ottimali per rispettarne la digeribilità: ogni tipologia di frutta, infatti, viene digerita da succhi gastici e specifici e soprattutto con tempi e modalità diversi . Puoi mangiare frutta dolce (banane, cachi, fichi, datteri, mango, papaya) insieme a frutta semiacida (albicocche, pesche, mela, uva, pere, prugne, susine). Oppure: frutta semiacida insieme a frutta acida, come ananas, kiwi, agrumi, fragole, frutti di bosco.

 

13.Aggiungi la cannella alle fantasie di frutta.

Questa spezia migliora il metabolismo degli zuccheri, di cui abbonda la frutta, e, di conseguenza, riduce il rischio di di accumulare grasso corporeo. Tra l'altro, la capacità della cannella di ridurre la glicemia, i grassi nel sangue e altre molecole coinvolte nel processo d'immagazzinamento dei grassi, è stata dimostrata da uno studio pensato durante le ultime Scientific Session della American Heart Association's Arteriosclerosis, Thrombosis and Vascular Biology di Minneapolis.

 

14.Noci e mandorle: mangiarne una mangiata al giorno.

Nonostante abbiano un alto contenuto calorico, noci, mandorle, nocciole forniscono al corpo minerali, che alimentano alcune delle più importanti vie metaboliche, e grassi buoni utili ai processi antinfiammatori, che mobilitano il grasso di deposito. In sostanza, ti aiutano a rimanere più alto il metabolismo dei lipidi, oltre a fornirti preziosi minerali e nutrienti per il drenaggio e la digestione, come l'acido alfa-linoleico. La dose consigliata però, è un palmo al giorno.

 

15.Bevi un sacco di pompelmo al dì.

È una manna per il metabolismo. Il succo di questo agrume è ricco di sali minerali, tra i quali calcio, potassio, magnesio, ferro e rame; è pure un alimento disinfettante e dalle proprietà digestive, grazie alla bromelina. Di più: rinforza il sistema immunitario, per via degli antiossidanti, come licopene, betacarotene e vitamina C e, grazie all'elevata quantità di potassio, combatte la ritenzione idrica.

 

16.Spezza la mattina con una tisana detox.

Al posto del caffè, o come break a metà mattino e pomeriggio, bevi tisane detossinanti.

Ricetta tipo: 60 g di sommità di elicriso; 20 g di issopo; 20 g di radice di gramigna; 30 g di betulla. Fai bollare un cucchiaio del mix in una tazza d'acqua per 15 minuti, filtra e bevi.

 

17.Sgonfiati con il tè.

Per un plus drenante: dopo un pasto abbondante, per tre giorni di seguito puoi bere tre tazze al giorno (senza zucchero e altre aggiunte) di un tè cinese raffinato, il Pu-Erh, dall'aroma singolare (ricorda la terra del sottobosco) e potente disintossicante e drenante. Mattina, pomeriggio e sera, lontano dai pasti se possibile. Se non ami questo sapore, sostituiscilo, anche nel lungo periodo, con il verde, bevanda drenante fonte di antiossidanti e di sostanze in grado di regolare il metabolismo, ridurre l'assorbimento di zuccheri e favorire l'eliminazione dei grassi.

 

18.Fai merenda con smoothies e frullati.

Per break ad alto tasso drenante e detox. Ricette tipo.

Drink preparato con una mela, un pompelmo e una banana frullati con una carota, una mela e un terno di barbabietola rossa.

Ancora: due mele, 100 g di uva, una manciata di frutti di bosco freschi, una fetta di arancia, succo con mezzo melone bianco e due pere.

 

19.Bevi otto bicchieri di acqua al giorno.

Per un effetto detox più marcato preferisci le acque che hanno un'azione diretta su reni, intestino e fegato, come le bicarbonato-solfato-calciche, le oligominerali e le solfato-calciche-magnesiche. Basta leggere su etichetta.

 

20.Comincia la giornata con acqua e limone.

A digiuno, questo speciale cocktail è un ottimo rimedio naturale per rimineralizzarsi, migliorare la digestione, stimolare la diuresi e contrastare l'acidosi del copro (da cibo acido, una volta assimilato il limone diventa un potente alcalinizzante). Non solo ti sentirai rinascere , ma grazie all'acido citrico, che stimola il fegato e la cistifellea eliminando ristagno di bile, aiuterai il tuo corpo a depurarsi.

loading...

Scrivi commento

Commenti: 0