Nuova Piramide Alimentare

Segui le regole e non dimagrisci? Le classiche raccomandazioni della piramide alimentare possono farti ingrassare.

 

Prova la nuova piramide alimentare: è ricca di frutta e verdura e si basa sulla dieta mediterranea. Inoltre, aggiungi un po' di esercizio fisico.

 

Molti carboidrati, frutta e verdura, una certa quantità di proteine e pochi grassi e dolci.

Credi che sia la verità? 


 

E’ la formula della classica piramide alimentare, una guida nutrizionale stabilita nel 1992 dal Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti, che è diventata popolare nel resto del mondo occidentale. 

 

Ebbene dieci anni dopo la sua efficacia viene discussa. Walter Willet, un nutrizionista dell’Università di Harvard, propone una nuova piramide alimentare basata sulla dieta mediterranea.

Nuova Piramide Alimentare Mediterranea
Nuova Piramide Alimentare

Nuova piramide alimentare: gli alimenti e i nutrienti 

La caratteristica rivoluzionaria della nuova piramide alimentare è che da importanza alla varietà alimentare e all'esercizio fisico regolare.

 

Includi nella dieta pasticceria casalinga, latticini, proteine e soprattutto frutta e verdura, e non dimenticare l'olio d'oliva.

 

Il segreto della nuova piramide alimentare è nei grassi.

La maggiore differenza tra le due piramidi alimentari è nei grassi.

Per non ingrassare e mantenerti in forma, ricorda: 

 

Sì all'olio di oliva, di arachidi, di semi di girasole.

 

L'olio extravergine di oliva è molto sano mentre quello che si utilizza per produrre le focacce industriali è pessimo.

 

No al burro, alla margarina, alla panna, all'olio di cocco e di palma (presenti nelle focacce industriali).

 

Conosciamo meglio quanti tipi di grassi esistono e quali sono i migliori.

 

Grassi saturi.

Si ottengono dagli animali (tranne l’olio di cocco e di palma) e si riconoscono per il loro aspetto solido.

 

Il loro consumo aumenta il rischio di obesità, di colesterolo cattivo (LDL) e di problemi cardiaci.

Si trovano nel lardo, nel burro, nei formaggi cremosi e nei formaggi in genere.  

 

Grassi insaturi     

Si ottengono dai vegetali e sono liquidi (olio). Il loro consumo favorisce maggiori livelli di colesterolo buono (HDL). Si trovano nell'Olio di oliva, frutta secca e pesce.

 

Grassi alterati.

 

Grassi di cui è stata alterata la natura: oli vegetali trasformati (per idrogenazione) in grassi soliti.

 

Inibiscono le virtù originarie degli oli vegetali e ne aumentano il colesterolo cattivo.

 

Si trovano nella margarina, nei pasti preconfezionati e nei dolci.

 

Sulle etichette appaiono come “grassi parzialmente o totalmente idrogenati”, sono i peggiori.

 

BURRO, DOLCI E MARMELLATE.

"Recupera le ricette tradizionali". Sono al vertice della nuova piramide alimentare, con una eccezione: la pasticceria tradizionale casalinga. Torna alle ricette della nonna e elaborale con farina integrale e olio vegetale al posto del burro.

 

LATTICINI.

"Passa a quelli magri".

La vecchia piramide raccomandava di consumarne 2-3 porzioni al giorno. Può andare bene se si consumano i latticini magri e il latte scremato; i latticini interi sono troppo ricchi di grassi.

 

PESCE E CARNE.

"Meno carne rossa si mangia, meglio è".

Non è facile farlo capire ma i nutrizionisti raccomandano di ridurre ogni volta di più il suo consumo: non più di due volte al mese! È meglio, quindi, passare al pesce.

 

FRUTTA E VERDURA.

"Aumenta le porzioni".

Per approfittare delle virtù salutari di frutta e verdura, si raccomanda di prendere fino a 9 porzioni al giorno, privilegiando la verdura sulla frutta.

 

FRUTTA SECCA.

"Includila nella tua dieta".

Messa da parte finora per l'eccessivo apporto calorico, deve invece essere consumata per il suo contenuto di grassi buoni. Prendi un pugno di frutta secca un paio di volte alla settimana.

 

OLIO VEGETALE.

"Buono per la salute".

Cura il tuo cuore e riduce il colesterolo cattivo. Il migliore: l'olio extravergine di oliva. Assumilo a crudo.

CONSIGLI

Non esagerare con i latticini.

Sono fonte di calcio, ma non l'unica. Lo troverai nel latte e nello yogurt ma anche nella soia e nel tofu, alimenti della dieta asiatica, che sembra proteggano dalle malattie cardiovascolari.

 

Proteine e minerali. Non temere carenze se riduci il consumo di carne. La dieta mediterranea li contiene in abbondanza.

 

ESERCIZIO FISICO.

"Non c'è bisogno che sia molto, l'importante è che sia costante".

 

Se fai attenzione alla nuova piramide alimentare, lo troverai alla base: non si tratta di pasti ma di esercizio fisico regolare.

 

Se ti attivi e ti alimenti bene, perderai facilmente peso.  Provalo, praticandolo ogni giorno.

 

Senza l'esercizio non c'è dieta sana che tenga. Convinciti di questa verità e comincia a praticarlo da oggi.

 

Leggi anche:

Dieta mediterranea

 

Dieta mediterranea dimagrante

 

Differenze tra Zona e dieta mediterranea

 


Scrivi commento

Commenti: 0