Dieta Fricker

Autore di numerosi libri sull'alimentazione e sulla forma fisica, Jacques Fricker, medico nutrizionista, propone un metodo originale, la “dieta ad alta velocità”. La filosofia del dottor Fricker si basa sulla considerazione che un unico tipo di dieta non può adattarsi a tutti gli individui, perché nello stabilire un programma alimentare è necessario tenere conto di un certo numero di fattori: sesso, età, struttura fisica, dispendio energetico, gusti personali, abitudini alimentari, grado di appetito, numero di chili superflui, ma anche il modo di vivere, il tipo di attività professionale, le ore di lavoro, gli obblighi familiari e sociali ecc. vanno tenuti in debito conto. 


Dieta Fricker: programma e menu
Jacques Fricker, medico nutrizionista

Così, una donna incinta, un lavoratore che fa i turni di notte e una persona che ha appena smesso di fumare non avranno le stesse esigenze. Per questo motivo Fricker propone, più che una dieta standard basata su rigorose restrizioni, un metodo in grado di adattarsi ai bisogni di ciascuno, tenuto conto di quanto detto prima.

 

A suo parere, prefiggersi un obiettivo di perdita di peso è senz'altro un'ottima cosa, ma ciò non deve avvenire a scapito del tono muscolare, della vitalità, dell'energia, né tanto meno della lucidità mentale.

 

La dieta Fricker “ad alta velocità” non deve d'altronde essere seguita per più di otto settimane consecutive; coloro che decidono di continuare per periodi più lunghi possono ricorrere a un programma alimentare di mantenimento del peso 'a velocità moderata'.

 

Il principio della dieta Fricker si fonda su un'alimentazione a base di verdure, carne, pesce, uova e latticini, che forniscono all'organismo tutte le vitamine e le proteine necessarie al suo buon funzionamento, ma anche sali minerali, fibre, oligoelementi, omega 3 e acidi grassi essenziali.

 

Si tratta perciò di una dieta equilibrata, nella quale, tuttavia, sono notevolmente ridotti gli apporti di grassi. Sebbene questi ultimi, come del resto tutti gli altri alimenti, non siano rigorosamente vietati, è ovvio che il loro consumo determina un rallentamento nella perdita di peso sperata.

Vantaggi, rischi e inconvenienti della dieta Fricker.

 

Il livello di difficoltà di questa dieta dipende molto da voi, dalla vostra determinazione e dagli “extra” che vi concederete. Il programma “ad alta velocità” dovrebbe essere seguito per almeno tre settimane, senza mai superare le otto settimane. Potrete poi passare al programma “a velocità moderata” durante il quale verranno gradualmente reintrodotti i farinacei, anche a costo di interromperlo con periodi “ad alta velocità” in caso di necessità.

 

La dieta “a velocità moderata” può essere seguita per tutto il tempo che riterrete opportuno, perché garantisce tutti gli apporti nutritivi necessari per mantenersi in perfetta salute; vi concede una più ampia libertà nella scelta degli alimenti e vi permette di viziarvi un po' con dolciumi e altre ghiottonerie. È sicuramente una delle migliori diete a lungo termine.

 

È consigliabile pesarsi una volta alla settimana, per evitare di discostarsi troppo dal peso prefissato, ricordando però che le oscillazioni di peso sono normali. Tuttavia, in caso di eccedenza pari a circa 1,5 kg, dovete reagire immediatamente riprendendo la dieta “ad alta velocità” per qualche giorno, o se necessario per una settimana.

 

I risultati della dieta 'ad alta velocità' sono davvero sorprendenti se il programma viene seguito a regola d'arte, cioè senza alcun apporto di zuccheri (ad assorbimento lento o rapido) e di grassi.

La perdita di peso prevista è di 1-1,5 kg alla settimana per la donna, di 1,5-2,5 kg alla settimana per l'uomo, senza che ciò comporti una diminuzione importante della massa muscolare.

 

Potrete consumare del vero cibo e non prodotti dietetici, ma riuscirete comunque a dimagrire limitando la perdita muscolare. Vi sarà inoltre possibile continuare ad avere una vita sociale e condividere i pasti in famiglia pur seguendo il vostro programma alimentare.

 

Il metodo Fricker vi permette anche qualche piccolo strappo (che il dottor Fricker preferisce chiamare extra, perché sostiene che questo termine ha una connotazione meno negativa e non evoca il concetto di errore o “peccato”), che poi compenserete con la riduzione di alcune porzioni nell'arco della giornata, ristabilendo l'equilibrio nei giorni seguenti o, in periodo di dieta a velocità moderata, con una giornata ad alta velocità.

 

Infine, potrete continuare a essere fisicamente attivi; del resto, il metodo Fricker raccomanda di praticare almeno tre ore di esercizio fisico alla settimana, da suddividere in un numero variabile di sedute (da tre a sette).

 

Alimenti concessi.

Carni.

Ovviamente è necessario scegliere i tagli meno grassi: bistecca, capriolo, cavallo, cinghiale, coniglio, controfiletto, cuore, faraona, fegato, filetti magri di maiale, manzo (5% di grassi), pancetta, pollame, prosciutto cotto, rognone, scaloppa, selvaggina, tacchino, vitello.

 

Pesce.

È consigliabile privilegiare i pesci magri: branzino, luccio, merluzzo fresco e affumicato, nasello, orata, passera, pesce persico, razza, sogliola, sperlano, surimi. Sebbene un po' più grassi, anche altri pesci sono concessi: acciuga (fresca o conservata al naturale), anguilla, aringa (fresca o affumicata), halibut, pesce spada, rombo, salmone (fresco o affumicato), sardina fresca, sgombro (fresco, affumicato o conservato), tonno (fresco o conservato al naturale), triglia, trota, caviale, uova di pesce.

 

Crostacei e frutti di mare.

Anche in questo caso conviene scegliere gli alimenti più magri: aragosta, astice, calamari, capesante, gamberetti, gamberi, granchio conservato, littorine, ostriche, polipo, scampi, seppia, vongole.

 

Verdure.

Aglio, asparagi, bietola, broccolo, cardo, cavolo (cavolfiore, cavolo cappuccio, verza), cetriolo, cipolla, crescione, fagiolini, finocchio, funghi (finferli, mazze di tamburo, porcini, prataioli), indivia, lattuga (batavia, cappuccina, cicoria, riccia, romana, scarola), melanzana, peperone, pomodoro, porro, radicchio, rapa, sedano rapa, scalogno, spinaci, valeriana, zucca, zucchina.

 

Farinacei.

Durante la seconda fase della dieta vi sarà permesso consumare farinacei. Una porzione equivale a circa 140 g di bulgur, di pasta, di riso o di semola; 40 g di legumi, come lenticchie, ceci, fagioli bianchi, rossi o nani; tre o quattro patate della dimensione di un uovo; oppure 180 g di mais o di piselli.

 

Frutta.

Una porzione equivale a un frutto di media grandezza (una palla da tennis): arancia, mela, pesca, pesca noce, pera; oppure due kiwi, due mandarini, tre albicocche, tre prugne, quattro o cinque litchis, un piccolo grappolo d'uva o una piccola banana; 120 g di frutta fresca: ananas, ciliegie, fragole, lamponi, melone, ribes rosso e nero, oppure mezzo pompelmo, mezzo mango o una fetta di anguria.

 

Olio.

Per mantenere le cellule in buona salute e per soddisfare il fabbisogno di acidi grassi essenziali dell'organismo dovete consumare 10 g di olio al giorno, preferibilmente di oliva.

 

Latticini.

Yogurt senza grassi, preferibilmente naturale (se scegliete quello alla frutta, non deve contenere zucchero). Una porzione equivale a uno yogurt da 125 g. Formaggio cottage senza grassi; latte parzialmente scremato (senza superare i 250 ml).

 

Acqua.

Tutti i giorni bevete molta acqua in modo da favorire l'eliminazione delle tossine.

 

Bevande alcoliche.

Per quanto riguarda le bevande alcoliche sono consentiti alcuni extra. Per esempio avete diritto a una moderata quantità d'alcol privo di zuccheri (whisky, brandy, cognac, vodka, gin ecc.) o a una coppa di champagne o di vino secco al giorno.

 

Alimenti vietati.

Sono vietati tutti gli alimenti dolci e gli zuccheri ad assorbimento lento come pane, riso, patate, cereali, pasta, legumi ecc., a eccezione di un massimo di tre fette (circa 50-60 g) di pane integrale a colazione se ne avete davvero bisogno per sentirvi bene e appagati.

 

Non va dimenticato che tutti i glucidi necessari all'equilibrio alimentare sono forniti dalla frutta, dalla verdura e dallo yogurt. Oltre a mantenervi in forma e in buona salute, danno anche un senso di sazietà. Per questo motivo è utile assumere porzioni abbondanti di verdura.

 

Evitate di consumare carni e pollame grassi, o le loro parti più grasse, come l'agnello (tutte le parti), il maiale in generale (eccetto la pancetta e il prosciutto), l'hamburger che contenga oltre il 15% di grassi, l'entrecote di manzo, la lingua di manzo, la cervella. Da evitare anche l'anatra, l'oca e il fagiano; i pesci grassi come l'acciuga, le sardine e il tonno all'olio di oliva; i frutti di mare come il granchio fresco e le cozze.

Dieta Fricker: menu tipo di una giornata ad alta velocità.

Sponsorizzato

Durante la fase ad alta velocità della dieta Fricker,  non è consigliabile consumare più di un frutto e di uno yogurt al giorno, preferibilmente a colazione. Vedrete più avanti che nel menu della cena è compreso un latticino o un frutto facoltativo.

 

Evitate di mangiarli se potete farne a meno. In caso contrario, scegliete un latticino (se possibile uno yogurt) senza grassi né zuccheri, e sottraete questo alimento dal menu della colazione. Fate lo stesso con il frutto.

 

Ma se davvero desiderate mangiare uno yogurt o un frutto a cena, oltre a quello già consumato a colazione, non privatevene; sappiate però che i vostri chili di troppo se ne andranno un po' meno rapidamente. Tuttavia, il fatto di non dover rinunciare a qualcosa vi farà provare un senso di soddisfazione che vi aiuterà a resistere più a lungo alla dieta.

 

Colazione.

La colazione dovrebbe prevedere da due a quattro latticini e un frutto, ma potrete sostituire ogni latticino con un uovo, 50 g di carne bianca di pollo, di prosciutto o di carne fredda (non salumi).

 

Esempio 1.

200 g di formaggio cottage senza grassi

uno yogurt magro

un frutto non spremuto

té o caffè a volontà

 

Esempio 2.

cioccolata calda

250 ml di latte parzialmente scremato + 10 ml di polvere di cacao senza zucchero + un po' di dolcificante,

a scelta: uno yogurt magro, anche alla frutta  una mela o un piccolo grappolo d'uva

té o caffè a volontà.

 

Esempio 3.

50 g di carne bianca di pollo

un uovo a la coque

mezzo pompelmo o mezzo mango

té o caffè a volontà.

 

Pranzo e cena.

Questi due pasti sono ricchi di proteine ma poveri di calorie.

Un antipasto (facoltativo) composto da verdure crude o da un passato di verdure senza grassi.

Un piatto principale (pietanza calda o insalata mista) composto da 150 g di carne o 200 g di pesce o 4 uova + almeno 200 g di verdura.

15 ml di olio, sulla carne, il pesce, le verdure o nell'insalata.

Un latticino o un frutto per concludere il pasto (facoltativo).

Dieta Fricker: menu tipo di una giornata a velocità moderata.

Sponsorizzato

Durante la fase a velocità moderata potrete mangiare quanto volete. Fatelo comunque con moderazione, senza rimpinzarvi. È preferibile consumare il pane a colazione. Quanto ai farinacei, potete consumarli a pranzo o a cena, e anche se sono previsti dal menu, devono comunque essere associati a un identico volume di verdure.

 

I grassi vanno sempre utilizzati con parsimonia. Occasionalmente ci si può concedere qualche strappo, che dovrà poi essere compensato da qualche restrizione. Grazie alla varietà di alimenti proposta, potete condividere i pasti in famiglia e accettare gli inviti al ristorante.

 

Colazione.

Tartine di pane integrale o cereali integrali a volontà.

Un latticino.

Un frutto non spremuto.

Té o caffè a volontà.

Pranzo.

Un antipasto (facoltativo) composto da verdure crude o passato di verdure senza grassi.

Un piatto principale (pietanza calda o insalata mista) composto da carne o pesce a volontà (almeno 200 g) o da 4 uova, 15 ml di olio, sulla carne, il pesce, le verdure o nell'insalata.

Un latticino o un frutto per concludere il pasto (facoltativo).

Cena.

Un antipasto (facoltativo) composto da verdure crude o passato di verdure senza grassi.

Un piatto principale: carne magra o pesce a volontà, verdure e farinacei a volontà, questi ultimi però in quantità pari o inferiore a quella delle verdure.

15 ml di olio, sulla carne, il pesce, le verdure, i farinacei o nell'insalata.

Un latticino o un frutto per concludere il pasto (facoltativo).

 

Controindicazioni.

Dato che questa dieta non sembra comportare particolari rischi, è bene soffermarsi piuttosto sui suoi vantaggi. La dieta Fricker associa a un rapido dimagramento il piacere del cibo e il mantenimento di un buono stato di salute. Vi permette di vivere normalmente e di perdere peso in modo sano, pur sentendovi appagati e pieni di energia e senza soffrire di carenze nutrizionali.

Sponsorizzato

Scrivi commento

Commenti: 0