Dieta disintossicante

Una o due volte alla settimana, per uno o due mesi, è possibile seguire questa dieta disintossicante che ti aiuta ad eliminare le scorie e le tossine.


Dieta disintossicante: menu per 1 giorno
Dieta disintossicante

Comincia con la depurazione.

La depurazione è indispensabile per combattere l'accumulo di tossine e dimagrire. In un fisico già appesantito e "intossicato", il metabolismo tende a rallentare e l'ulteriore assunzione di grassi, zuccheri e scorie può addirittura arrivare a bloccarlo.

 

Prima di tutto l'intestino: se è troppo pigro, ti gonfi.

L'intestino è per eccellenza lo "spazzino" dell'organismo. Tra le tante sue funzioni vitali una delle più importanti è "l'espulsione" delle tossine con i resti del cibo non digerito. Se questi residui permangono a lungo a contatto con le pareti intestinali, possono penetrare nei villi e diffondersi nell'organismo attraverso il sangue o la linfa.

 

Poi il fegato: se è affaticato, accumuli adipe.

Disintossicare il fegato è la seconda tappa fondamentale in vista del raggiungimento del peso forma. Per molte persone è quasi una necessità fisiologica, specialmente dopo periodi di alimentazione sregolata in seguito a terapie farmacologiche particolarmente pesanti oppure in alcuni periodi "critici" della vita (come l'arrivo della menopausa).

 

Altre volte la necessità di un drenaggio epatico traspare chiaramente dalle sensazioni ("mi sento appesantita", "mi gonfio come un pallone") o da altri segnali (alito cattivo, digestione lenta, intestino pigro ecc.) che il corpo invia.

 

La depurazione è il primo passo per liberarsi dei chili "più difficili": il percorso comincia quindi con le tisane disintossicanti. Bevine una tazza, almeno 2 volte al giorno, per una settimana, preferibilmente la mattina a digiuno o lontano dai pasti. 

Tisane disintossicanti

Sponsorizzato

Ecco le tisane più indicate per disintossicare l'organismo: gli organi che andremo a sollecitare sono il fegato, l'intestino e i reni, i filtri da cui dipende l'espulsione delle tossine.

 

Disintossica il colon e rimodella.

Ingredienti:

30 g di foglie o radici di malva

30 g di semi di finocchio

30 g di bacche di mirtillo rosso

Preparazione e modo d'uso.

Versa in un sacchettino di tela il mix di questi ingredienti alleati dell'intestino, utili per aiutare quest'organo a svolgere al meglio le sue preziose funzioni.

Metti 2 cucchiaini della miscela in una tazza di acqua fai bollire per 5 minuti.

Lascia in infusione una decina di minuti, filtra e bevi.

La dose consigliata,

Bevi la bevanda dopo i pasti principali.

Un trucco detox in più.

I probiotici, sotto forma di capsule, possono essere di aiuto per depurare l'intestino messo a dura prova dagli eccessi alimentari. Per un mese, insieme alla tisana disintossicante, prendi una capsula di probiotico ogni mattina prima di colazione.

 

Stimola il fegato a rigenerarsi.

Ingredienti:

30 g di foglie di cardo mariano

25 g di radice di bardana

25 g di radici di tarassaco

20 g di radice di zafferano indiano

Preparazione e modo d'uso,

Mescola gli ingredienti o fatti preparare la miscela dall'erborista. Al momento dell'uso prendi un cucchiaino o due del composto e versalo in un pentolino di acqua e fai bollire per 5 minuti. Lascia riposare una decina di minuti, filtra e bevi.

La dose consigliata.

Bevi al mattino a digiuno e nel pomeriggio, lontano dai pasti. La tisana può anche essere preparata la sera per il giorno dopo e va consumata un sorso ogni tanto, lontano dai pasti, entro 24 ore.

Il consiglio salva-fegato a tavola.

Introduci abbondanti quantità di verdure che, ricche di fibre, facilitano l'eliminazione delle scorie e ti fanno assorbire meno grassi e zuccheri. Anche prezzemolo, alloro e rosmarino sono erbe aromatiche che tonificano il fegato e lo aiutano a depurarsi dalle tossine che lo affaticano. Usale in abbondanza tutti i giorni sui tuoi piatti o durante la cottura.

 

Scioglie i grassi epatici.

Ingredienti:

30 g di foglie di carciofo 30 g di radice bardana 20gdi semi anice verde 10 g di foglie di menta 10 g di radice di liquirizia.

Preparazione e modo d'uso

Prepara una miscela con tutte le erbe, le radici e i semi indicati, utili alle funzioni epatiche.

Versa un cucchiaino o due del composto in 200 ml di acqua e porta a ebollizione. Fai sobbollire per 5 minuti, spegni, filtra e lascia in infusione 10 minuti.

La dose consigliata.

Per la depurazione del fegato, puoi bere quattro grandi tazze al giorno di questa tisana, lontano dai pasti, per un totale di un litro.

Perché fa bene.

In tutti i casi di affaticamento occasionale del fegato è indicata questa tisana ad azione protettiva e disintossicante. Le piante usate agiscono migliorando la funzione e il metabolismo delle cellule del fegato, favorendo l'eliminazione dei composti tossici. Con una buona depurazione della ghiandola epatica regolarizzi la peristalsi intestinale, migliori la digestione e accumuli meno colesterolo.

 

Sostiene il lavoro dei reni.

Ingredienti:

25 g di radici di gramigna

25 g di foglie di equiseto

30 g di foglie di betulla

25 g di foglie di ortica

Preparazione e modo d'uso.

Per migliorare la diuresi ed eliminare parte dell'acqua trattenuta dall'organismo, prepara questa tisana mescolando le erbe suggerite. Versa un cucchiaio della miscela in una tazza di acqua bollente. Lascia in infusione una decina di minuti e filtra. Si può preparare anche la sera e conservarla nel thermos.

La dose consigliata.

Bevi la tisana tre volte al giorno, preferibilmente lontano dai pasti; per esempio al mattino prima di colazione, a metà mattina e nel pomeriggio.

Aggiungi il succo di melagrana e potenzi l'effetto detox.

Al succo puro di melagrana sono riconosciute proprietà arenanti, antiossidanti e deacidificanti. Per ottenere una bevanda ancora più diuretica, mescola alla tisana 2 cucchiai di succo di melagrana. Bevila 3 volte alla settimana a metà mattina: ti aiuterà anche a spegnere la fame.

Dieta disintossicante: menu di 1 giorno

Sponsorizzato

È un dieta disintossicante da seguire anche nel giorno successivo a una cena in compagnia o a un pranzo particolarmente abbondante. Non si tratta di "fare la fame", ma di introdurre alimenti che sblocchino gli "ingorghi" di tossine, favoriscano la diuresi, stimolando l'intestino senza appesantire il fegato.

 

A digiuno: 

Appena sveglia un bicchiere di acqua tiepida con un cucchiaio di aceto di mele e un cucchiaino di sciroppo d'acero oppure un bicchiere di acqua tiepida con una spruzzata di limone: si tratta di rimedi che favoriscono la diuresi e depurano l'intestino, aiutandoti a smaltire le tossine accumulate nel tempo. Anche la temperatura dell'acqua svolge una funzione di stimolo nei confronti della peristalsi intestinale.

 

A colazione:

Mangia uno yogurt naturale magro (ha effetto probiotico e aiuta la flora intestinale), con 30 g di fiocchi di avena (disintossicante e anti-stipsi) e un frutto fresco di stagione. Oppure una tazza di caffè d'orzo o té verde, dolcificati con un cucchiaino di miele, un frutto fresco e 3 gallette di riso.

 

O ancora, in alternativa, consuma una tazza di latte di mandorle caldo, macchiato con un cucchiaino di caffè d'orzo, una fetta di pane nero con composta di susine e una spremuta d'arancia.

 

Spuntino:

A metà mattina puoi continuare ad assumere liquidi e vitamine bevendo una spremuta fatta con due arance e un limone. In alternativa, se avverti un poco di fame mangia un frutto a tua scelta con 3 mandorle.

 

Pranzo:

Puoi iniziare con un'insalata di sedano e verdura cruda cui far seguire un brodo con 50 g di champignon e prezzemolo. Come secondo, un filetto di tacchino alla piastra con contorno di cicoria o radicchio, il tutto condito con olio di oliva (2 cucchiaini).

 

In alternativa, va bene un'insalata di cavolo cappuccio e finocchi con 2 cucchiai di semi di girasole, con un cucchiaino di olio di oliva e succo di limone; 50 g di orzo cotto con 2 cucchiaini di olio d'oliva, brodo vegetale e 50 g di spinaci tritati; 2 gallette di mais.

 

Merenda:

Per la merenda puoi puntare di nuovo sulla frutta e in particolare sulle mele. Tutte le varietà hanno proprietà disintossicanti. Le stayman e le granny smith contengono in abbondanza acido malico, zinco, magnesio e vitamina C e forniscono nutrienti indispensabili senza pesare sulla digestione.

 

Le red delicious hanno particolari virtù diuretiche, grazie al loro contenuto di acido ossalico.

Quindi, aiutano a smaltire la ritenzione idrica e con questa anche le scorie nocive.

 

Invece le varietà renetta e gala aiutano le funzioni del fegato perché stimolano il flusso biliare; sono anche facilmente digeribili e subito assimilabili.

 

L'ideale sarebbe consumarle crude (con la buccia!). In alternativa puoi anche farle cuocere in forno, con un pizzico di cannella e un chiodo di garofano.

 

Cena:

Per cena puoi scegliere una minestra di lenticchie e tarassaco (fai lessare tre manciate di foglie di tarassaco tagliate grossolanamente, uno spicchio d'aglio e una fettina di zucca e, a parte, le lenticchie, frulla il tutto e servi con una spolverata di pepe nero, da completare con una fetta di pane integrale per avere un "piatto unico".

 

In alternativa puoi preparare 150 g di radicchio rosso saltato in padella con 2 cucchiaini di olio d'oliva; merluzzo al forno con pinoli e noci e 2 gallette di riso.

 

Prima di dormire:

Prima di coricarti bevi una tisana calda e non zuccherata di finocchio dolce oppure una di betulla o ancora una di radice di bardana che favorisce il drenaggio delle tossine.

 

I segnali che ti stai depurando.

Osserva la pelle: se appaiono sul viso dei brufoli, significa che il fegato sta drenando le tossine.

Accarezza la pancia: se è morbida è segno che l'intestino si sta riattivando.

Verifica le urine: se sono più scure ti stai depurando.

 

Tocca piedi e caviglie: se premendo la cute non rimane un alone, la circolazione sta migliorando.

 

Articoli correlati:  Dieta detox

 

Sponsorizzato

Scrivi commento

Commenti: 0