Come far mangiare frutta e verdura ai bambini

Spesso, dopo un inizio promettente, i più grandicelli sviluppano un "odio" per frutta e verdura che fa disperare mamme e papà: come convincerli, senza forzarli?

Ecco i consigli della nutrizionista!

In molti si ritroveranno in questo "quadro": il loro bambino, che durante lo svezzamento e i primi anni apprezzava diversi tipi di frutta e verdura e li consumava senza problemi tra pasti principali e spuntini, verso i tre anni comincia a snobbare sempre di più queste categorie di cibi, o addirittura le rifiuta del tutto.


Innanzitutto, non disperatevi troppo: se il bambino mangia frutta a sufficienza durante i pasti, e per un periodo la preferisce alla verdura, non dovete temere carenze vitaminiche o alimentari in generale. E lo stesso vale per il contrario.


È buona norma cercare di reinserire nella dieta gli elementi mancanti (soprattutto quando scarseggiano o vengono rifiutati entrambi), gradualmente e senza "tragedie": lì sì che si rischierebbe di creare le basi di un eventuale problema alimentare.


Qualche consiglio vincente per far mangiare la frutta e la verdura ai bambini.

Per far mangiare frutta e verdura ai bambini, vale la pena di iniziare da cibi freschi e piacevoli che possano conciliare la diffusa tendenza al dolce, al croccante, al succoso.


Ciliegie, fragole e bicocche saranno forse più prezzate di melone e pere, mentre i pomodorini rossi e carote a bastoncino piaceranno alle loro giovani papille gustative più di zucchine e cavolfiore.


Insomma, chiedete al vostro bimbo cosa preferisce, ma sempre all'interno di una sana regola, valida per tutta la famiglia, che deve esserci un amico verde a tavola con noi a ogni pasto.


Altro elemento pratico da tenere in considerazione è senz'altro la varietà: cambiando i cibi proposti manteniamo più alto l'interesse ed evitiamo di fossilizzarci su un'unica verdura, magari la più pratica da mangiare.


È importante far passare il concetto che va consumato tutto il frutto e non solo un pezzo dello stesso. Di frutta e verdura dovremmo abituarci a mangiare quante più parti possibili, per potenziare la nostra assunzione di fibra vegetale e per non gettare via (per semplice ignoranza) parti preziose del vegetale. In alcuni casi, bisognerebbe mangiare persino i semi, anche se è difficile che i bambini ne gradiscano il gusto.


È il caso dei semi degli acini d'uva, che dovrebbero essere masticati tra i denti per liberare durante la digestione le loro preziose sostanze oleose polinsature, dagli effetti antinfiammatori e cardio-protettivi.


Importanti, comunque, sono soprattutto le bucce.

La buccia è il ponte che collega il mondo cellulare interno del frutto o dell'ortaggio con quello esterno. Il sotto-buccia contiene, dunque, sostanze antibiotiche naturali, enzimi, vitamine, sali che non sono distribuiti in uguale quantità nel resto della polpa.


Mele, pere, carote, pomodori, uva, fichi, pesche, albicocche, nespole, cetrioli, patate, possono tranquillamente essere mangiati con tutta la buccia. Va da sé che saranno quindi da preferire i cibi biologici, e sarà bene lavarli accuratamente, in specie quando si mangiano crudi.


I centrifugati di frutta e verdura: un'arma vincente!

I centrifugati di frutta e verdura sono un'ottima soluzione per convincere persino i bambini più diffidenti. Privi di zuccheri aggiunti, sono dissetanti e ricchi di vitamine e sali minerali perché permettono di consumare anche la verdura a crudo; in più i bimbi neanche si accorgono di assumere verdura, in quanto la presenza della frutta ne addolcisce e maschera il sapore.

Ecco qualche delizioso accostamento:

Cetriolo, melone, pesca e menta

Spinaci e ananas

Peperone, zenzero e mela

Arancia, mela e carota

Finocchio, sedano e mela.


Un idea che diverte molto i bambini e li invoglia a mangiare frutta e verdura è creare buffi animaletti o altre forme con il cibo. Nulla di complicato, basta mettere sul  piatto un po’ di fantasia!

3 ricette ottime come merende, fresche e sane, naturalmente a base di frutta.

GRANITA SPRINT.

Ingredienti:

Frutti di bosco a piacere Spremuta di arance o succo di arancia 100% naturale

Miele (facoltativo)

Procedimento:

Fate congelare nel freezer i frutti di bosco, avendo cura di non sovrapporli. Una volta congelati, riempitevi un bicchiere, poi colmatelo con il succo di arancia. Se volete, potete aggiungere un cucchiaino di miele, e avrete un delizioso "mangia e bevi" simile a una granita di frutta.


GHIACCIOLI DI FRUTTA.

Ingredienti:

450 g di frutta fresca

160 g di yogurt bianco intero

100 g di miele

10 ml di succo di limone

Procedimento:

Frullate insieme la frutta lavata e tagliata a pezzetti, lo yogurt, il miele e il succo di limone. Riempite con il composto degli stampini per ghiaccioli e congelate in freezer.


GELATO DI FRUTTA SENZA GELATIERA.

Ingredienti:

4 banane

200 g di frutta a scelta

Procedimento:

Tagliate la frutta a pezzetti e congelatela. Toglietela dal freezer e dopo circa 10 minuti frullatela nel mixer. Va consumato subito per una consistenza perfetta. Attenzione, non si può ricongelare.

I genitori devono dare il buon esempio

Uno studio condotto a livello europeo ha scoperto che solo un bambino su quatto raggiunge la soglia raccomandata dall'OMS sul consumo di frutta e verdura (circa 400 g al giorno).


L'assunzione di verdure media stata stimata in 86 g al giorno, mentre la frutta 141 g al giorno. Considerando frutta e verdura insieme, il più alto livello di consumo è stato trovato in Austria e Portogallo, e il più basso in Islanda e Spagna.


Lo stesso studio ha rivelato inoltre che incide molto più positivamente il buon esempio dato dai genitori che un'eccessiva pressione sul bambino a mangiare frutta e verdura.


Articoli correlati: 


Dieta della frutta


Frutta e verdura


Dieta verde



Scrivi commento

Commenti: 0