L’alimentazione equilibrata per i bambini

L’alimentazione equilibrata per i bambini
L’alimentazione equilibrata per i bambini

In che cosa consiste un'alimentazione equilibrata?


Un'alimentazione equilibrata comporta dal 10 al 15% di protidi, il 30% di lipidi e dal 52 al 55% di glucidi.


Un'alimentazione diversificata, come dovrebbe essere quella della maggior parte delle famiglie, assicura un giusto apporto di vitamine e sali minerali.


I protidi: un bambino non ha bisogno di carne a mezzogiorno e anche alla sera. A cena, è preferibile un piatto a base di latte, che contiene sufficienti proteine e calcio. Si potrà poi aggiungere del formaggio, che i bambini accettano molto volentieri, magari sotto forma di yogurt o di ricotta dolce.

Occorre fare attenzione, infine, ai dessert cremosi, con o senza frutta, tanto amati dai bambini, perché aumentano troppo la razione glucidica.


I lipidi: si consumeranno sotto forma di olio vegetale (oliva, arachide colza),

di burro fresco su alimenti bolliti o fritti.

L'alimentazione deve essere variata, permettendo di introdurre alimenti dai sapori sempre nuovi.

Uno dei meriti della mensa scolastica è di fare accettare, attraverso il contatto e l'emulazione, quasi una sorta di convivialità, dei piatti nuovi che il bambino impara ad assaggiare.


I glucidi: gli zuccheri nascosti sono molto importanti.

Il pane è necessario per l'apporto di glucidi a lento assorbimento, di amido e di fibre, soprattutto tenendo conto del fatto che i bambini amano poco le verdure: quale bambino infatti ama l'indivia, gli spinaci ed i porri?

Il gusto si formerà progressivamente, come già abbiamo detto.


Ci sono tra i bambini, come tra gli adulti, dei piccoli e dei grossi mangiatori: nel mangiare le stesse cose, gli uni ingrasseranno, gli altri dimagriranno.

Spetta al medico e ai genitori stabilire una dieta equilibrata.

Spesso però un'alimentazione equilibrata può venire falsata da un abuso casalingo di dolciumi, il più delle volte di nascosto dalla famiglia.

Come scegliere un'alimentazione equilibrata per i bambini? 

Prima di precisare il fabbisogno giornaliero, diciamo che non si tratta di stabilire dei menù precisi, delle diete particolari, ma solamente di fornire alcuni consigli chiave per meglio nutrire i nostri bambini.


L'alimentazione del bambino deve essere ricca di proteine, di elementi minerali, di vitamine e non troppo abbondante di glucidi.


La colazione deve essere sostanziosa: un pasto completo.


La difficoltà risiede nel fatto che molti bambini (a causa della mancanza di tempo da parte dei genitori o del rifiuto del bambino) entrano in classe senza aver mangiato niente prima.


Se vostro figlio non vuole fare colazione, si possono preparare il giorno prima alcuni frutti secchi (fichi e datteri) o quelle barrette di cereali di cui è goloso:  li porterà nella sua cartella e farà così colazione durante la ricreazione, senza più paura di arrivare in ritardo.

La mensa scolastica è consigliabile ai bambini?

La scuola, a partire da quella materna, rappresenta un ambiente privilegiato per il bambino.


Numerosi sono coloro che vi trascorrono la maggior parte della giornata. Proprio nella scuola materna il bambino potrà effettuare le sue prime esperienze e abituarsi alla vita sociale.


La vita scolastica comprende spesso il pranzo presso la mensa.


È evidente che la scelta del menù non è lasciata al bambino ma dipende dall'organizzazione del gruppo scolastico.


Questa formazione nutrizionale è molto importante poiché abitua i bambini a un giusto ritmo alimentare, alla scelta di determinanti alimenti e a un equilibrio in questa scelta.



Scrivi commento

Commenti: 0