Come controllare il consumo di grassi

Come controllare il consumo di grassi
Tabella grassi buoni

Per riuscire a mantenere sotto il 30% delle calorie totali quelle di origine lipidica (e, in particolare, sotto il 10% quelle provenienti da grassi saturi), è necessario controllare il modo di mangiare, di fare la spesa e di cucinare.

 

Ecco alcuni accorgimenti che, con ottimi risultati, riducono il contenuto di grassi per un'alimentazione più sana ed equilibrata.

Come ridurre il consumo di grassi

Preferire carni bianche e pollame e latticini a basso contenuto di grassi.

 

Non usare grassi per friggere o rosolare il cibo, ma servirsi di una padella antiaderente o, ancora meglio, preferire la cottura in forno, alla griglia, in umido o a vapore.

 

Aumentare il consumo di pesce, ricco di grassi polinsaturi.

 

Preferire l'olio ai grassi solidi (burro, strutto) per cucinare.

 

Se si utilizza l'olio per cucinare o per condire, scegliere gli oli con un bassissimo contenuto di grassi saturi.

 

Cuocere la carne, il pesce o il pollame su una griglia, in modo da eliminare il condimento, e spennellarli con un po' di vino o di brodo.

 

Non usare il sugo che si forma durante la cottura.

 

Eliminare il grasso dalla carne e la pelle dal pollame, prima di cuocerli.

 

Cuocere in anticipo cibo in umido e minestre e metterli in frigorifero: sarà così più facile eliminare il grasso rappreso in superficie, prima di riscaldarli di nuovo.

 

Leggere con attenzione le etichette sulle confezioni degli alimenti ed evitare quelli con elevato contenuto di grassi, soprattutto se saturi o idrogenati.

 

Limitare al massimo le merende a elevato contenuto di grassi, come patatine, biscotti, pasticcini, cioccolatini e torte. Se proprio non si può fare a meno di uno spuntino, ricorrere a qualche verdura cruda o a frutta fresca.

 

Ripiegare su versioni "leggere" di alimenti normalmente ricchi di grassi, come per esempio formaggi, maionese e panna montata.

 

Sostituire i gelati, che di solito hanno un elevato contenuto di grassi, con i sorbetti, che ne sono privi.


Articoli correlati:


Grassi buoni e grassi cattivi

 

Lipidi, grassi acidi e dieta



Scrivi commento

Commenti: 0